Single Blog Title

This is a single blog caption

Il Pescara è vivo. Sbanca Messina e rilancia la corsa play-off

Un Pescara immenso, nel momento più delicato della stagione, vince di autorità 10-7 lo scontro diretto di Messina e manda un messaggio chiarissimo a tutte le rivali: per i play-off ci siamo anche noi! Partita fantastica quella giocata dalla squadra di Paolo Malara, per voglia, disciplina, applicazione, cuore. Oggi è emerso in tutte le sue sfaccettature quel senso di appartenenza che spesso rischia di diventare troppa teoria e poca pratica. In acqua i biancazzurri hanno dato tutto, lasciandosi alle spalle le difficoltà delle ultime settimane, perché la voglia di andare a prendersi il sogno è troppo più forte. A tre giornate dalla fine, la classifica dice ancora terzo posto.

Il Messina parte meglio, sblocca con Steardo, pareggia Calcaterra e poi Giacoppo fa 2-1. Prima della pausa ci pensa Di Fulvio, con una doppietta, a impattare prima e scavalcare poi. Al rientro in acqua allunga Agostini, ma la reazione siciliana è veemente. Cusmano, Parisi e Klikovac capovolgono il parziale. Ma è un’illusione, perché sono Di Nardo e D’Aloisio a spedire i bancazzurri avanti all’intervallo lungo. Steardo segna ancora e rimette a posto lo cose, ma il primo strappo lo danno Calcaterra e Molina che mandano i biancazzurri a giocarsi l’ultimo quarto sul +2. Nel finale Provenzale prova a riaprire i giochi. Calcaterra e De Ioris però hanno idee diverse e siglano il 7-10 finale.

PARZIALI: 2-3, 3-3, 1-2, 1-2

CUS UNI MESSINA: Spampinato, Russo, Savoca, Steardo (2), Provenzale (1), Condemi, Cusmano (1), Giacoppo (1), Ambrosini, Sacco, Klikovac (1), Parisi (1), Spizzica. All. Sergio Naccari

PESCARA PALLANUOTO: Volarevic, Di Nardo (1), Laurenzi, Di Fulvio (2), De Ioris, Sarnicola, Giordano, Provenzano, Di Fonzo, D’Aloisio (1), Calcaterra (3), Agostini (1), Molina (1). All. Paolo Malara