Single Blog Title

This is a single blog caption

Contro il Cus Uni Me per difendere la vetta

E’ un Pescara Pallanuoto carico quello che arriva alla terza giornata del campionato di serie A-2 girone sud contro i Cus Uni Messina, forte dei due successi ottenuti nelle prime due giornate e del primato in classifica, che in questo momento aiuta il gruppo a lavorare con impegno e serenità. Sabato alle Naiadi, con inizio fissato per le 16, i biancazzurri vogliono provare a continuare su questo passo, per mettere ulteriore fieno in cascina sfruttando il momento positivo. L’avversario di turno è il Cus Uni Me, che dopo la rovinosa sconfitta all’esordio nella vasca dell’Acquachiara, sabato scorso si è riscattato battendo 8-7 l’Arvalia davanti al pubblico amico.

La squadra in settimana ha lavorato in piscina come di consueto, agli ordini del mister Paolo Malara, che per la sfida contro i siciliani deve rinunciare a Fabio Di Fonzo. Al suo posto ci sarà Edoardo Santarelli, classe 2002, in quello che è l’unico cambio rispetto alle prime due uscite.

<Stiamo lavorando bene, il gruppo è disponibile e concentrato>, dice il tecnico ligure alla vigilia. <Dobbiamo mettere da parte le due vittorie e la vetta della classifica, che in questo momento non significa nulla e pensare che abbiamo un campionato da costruire>. Quindi sul Messina: <Sono una squadra tosta e l’hanno dimostrato una settimana fa, battendo un avversario difficile come l’Arvalia. Hanno giocatori esperti che possono metterci in difficoltà. Dovremo essere bravi noi a limitarli>. E conclude: <Come ogni volta che giochiamo in casa, ci auguriamo di avere tanti tifosi a sostenerci. Nella prima partita contro la Cesport il pubblico è stato straordinario, speriamo di riavere lo stesso calore e lo stesso sostegno>.

Per la partita contro il Cus Uni Me Paolo Malara ha convocato 13 giocatori:

Goran Volarevic, Luca De Vincentiis, Marco Laurenzi, Carlo Di Fulvio, Mattia De Ioris, Cesare Mancini, Davide Giordano, Marco Stanchi, Edoardo Santarelli, Andrea D’Aloisio, Enrico Calcaterra, David Micheletti, Francisco Molina.